PORTO VALTRAVAGLIA
Elezioni amministrative

13 giugno 1999

IMPEGNO CIVICO


Filippo Colombo
candidato alla carica di Sindaco

Bruno Barassi

Arcangelo Calloni

Chiara Felli

Gregorio Gagliardi

Alfredo (Dino) Giuliani

Mario Gabriele Isabella

Fiorella Lombardi in Barozzi

Armando Martignoni

Erica Reggiori in Chiamenti

Paolo Schiaffi

Marina Valmaggia in Favata

Anna Nicoletta Vecchio in Paladini


Gentile Famiglia,

 

ci presentiamo agli Elettori di Porto Valtravaglia per candidarci all'amministrazione del nostro Comune per gli anni 1999/2004.

Molte cose sono cambiate nella pubblica amministrazione dalla primavera 1995: abbiamo vissuto un cambiamento e un'evoluzione normativa che si sono fatti sentire anche nel nostro Comune. Sono notevolmente aumentate - e aumenteranno ancor di più nei prossimi anni - le competenze passate dallo Stato, dalle Regioni e dalle Province, ai Comuni. Il futuro dipenderà molto dalle capacità di operare a livello sovracomunale e di partecipare alle realtà che si stanno formando attorno a noi, perché non è più possibile rimanere stretti dentro i confini di un Comune.

E' ormai di uso corrente paragonare il Comune ad un'azienda. Ciò vale anzitutto quale richiamo all'esigenza di maggiore efficienza, di precisa individuazione delle responsabilità, all'introduzione di efficaci controlli sulla produttività, di attenzione alla comunicazione con i cittadini-utenti e di monitoraggio delle loro domande ed insoddisfazioni.

Il compito che ci attende è quindi particolarmente delicato e complesso. In un momento in cui il diffuso astensionismo evidenzia un malessere ed un disagio nei confronti della politica in genere, sempre più centrale è il ruolo che avranno gli amministratori locali e la loro capacità di rendersi interpreti del senso civico della collettività, di mantenere con essa un dialogo costante, di essere efficaci punti di riferimento, di restituire ad ogni forma di dibattito il giusto senso di dignità e di concretezza.

La nostra esperienza personale ci consente di misurarci con questi nuovi scenari, grazie anche alle persone che non hanno rinunciato al proprio impegno sociale ed alle nuove che hanno aderito alla proposta di impegnarsi a servizio della nostra comunità.

Per questo abbiamo steso un programma di obiettivi realistici e concretamente realizzabili, naturale prosecuzione e completamento di quanto abbiamo fatto fino ad oggi.

Conoscenza, coraggio e creatività sono i princìpi che stanno alla base delle nostre scelte:

· per indirizzare e controllare l'attività amministrativa, nel rispetto dei ruoli, attraverso una precisa conoscenza delle regole e della complessità delle materie, molte delle quali nuove, attribuite ai Comuni;

· per essere aperti alle novità, attraverso una pratica quotidiana che consiste in una grande passione nel proprio lavoro, nella voglia di misurarsi con tenacia, nel desiderio di sperimentare, nella capacità di ascolto;

· per garantire sempre la massima equità nell'azione amministrativa, attraverso una costante attenzione a tutto ciò che possa mirare al benessere fisico e morale dei cittadini: cultura, qualità dell'ambiente, tutela delle risorse naturali; provvedendo ad una equa ridistribuzione del reddito locale attraverso una forte e decisa intolleranza verso ogni forma di evasione;

· per creare benessere dal miglioramento costante di tutti i servizi comunali, perché il cittadino si senta il "cliente privilegiato" dell'azienda Comune.

Fare un programma oggi significa conoscere bene lo stato di partenza del Comune per poter calibrare le proposte e non cadere nella tentazione di improvvisare programmi omnibus che hanno ormai l'unico significato di contribuire a tenere lontana dalle istituzioni la cittadinanza.

I programmi sono una cosa seria: devono essere sostenibili da reali disponibilità finanziarie, definiti nel tempo e strettamente rapportati alla capacità organizzativa del Comune. Il Comune vive oggi di risorse proprie, più che di contributi statali, e diventa irrinunciabile il giusto rapporto fra qualità e prezzo dei servizi offerti.

Infine, perché ogni programma venga realizzato, occorre stabilire una forte relazione fra amministrazione e struttura che deve realizzare gli obiettivi.

Per questo noi partiamo dalle promesse mantenute, a prova che anche a Porto c'è la possibilità di fare e di cambiare, per formulare una serie di nuove iniziative che motiviamo e illustriamo nelle pagine seguenti.

Ci auguriamo che vogliate ancora condividere il nostro impegno e confermarci la Vostra fiducia, della quale, fin d'ora, Vi ringraziamo.


Scelte e proposte per una strategia di sviluppo

 

Vogliamo qui riassumere quanto abbiamo realizzato nei quattro anni trascorsi ed indicare le nostre proposte per gli anni a venire. Queste sono esposte nelle loro linee generali e costituiscono gli obiettivi che ci prefissiamo di perfezionare e raggiungere nei prossimi cinque anni.

Non entriamo nei dettagli operativi, in quanto riteniamo intuibile da parte di tutti che ogni progetto - una volta individuatane la fattibilità - necessiti comunque di ulteriori approfondimenti, fino alla sua approvazione esecutiva.

L'esperienza di questi ultimi anni ha dimostrato che - se c'è la volontà di fare - si riescono a superare le difficoltà burocratiche e a ridurre al minimo i tempi tecnici per gli adempimenti (delibere, autorizzazioni, appalti, ecc.).

Servizi Sociali

Abbiamo realizzato un Centro Sociale per anziani, la nuova sede della Biblioteca e tre nuovi ambulatori nella ex Casa degli Angeli, presa in comodato per vent'anni dalla Parrocchia di Porto Valtravaglia.

E' stato ampliato il servizio di assistenza domiciliare da 130 a 170 ore mensili, mettendo a disposizione degli anziani più bisognosi forme di aiuto in aggiunta ai servizi infermieristici.

Il contributo annuale alle tre scuole materne è stato portato da 6 a 8 milioni di lire.

Ci siamo attivamente interessati a trovare idonee sistemazioni in casa di riposo ad anziani che ne avevano fatto richiesta.

Abbiamo attivato il Servizio Informagiovani e creato i necessari collegamenti con le Agenzie per il lavoro temporaneo, in aiuto a quanti sono in cerca di lavoro.

Ci siamo convenzionati con il Ministero della Difesa ed ottenuto due obiettori di coscienza a supporto delle attività sociali e culturali del Comune.

E' stata rilasciata la concessione edilizia per la trasformazione dello stabilimento ex ERMA di Muceno in Casa di Riposo ed abbiamo collaborato alla soluzione degli adempimenti richiesti da ASL, Provincia e Vigili del Fuoco.

La Biblioteca è stata dotata di un nuovo computer e di una enciclopedia multimediale, utile ai numerosi studenti che la frequentano. Al 31 dicembre 1998 gli iscritti erano 332 e i prestiti librari dell'anno sono stati 5.956 (nel 1994 c'erano 250 iscritti con 4.500 prestiti ).

PROGETTI:

- Ci impegniamo a migliorare l'offerta dei servizi sociali, nonostante l'esiguità delle risorse attribuite dallo Stato ai Comuni. Seguiremo anche le indicazioni ed i suggerimenti che ci perverranno dai frequentatori del Centro Sociale, per rendere i nostri interventi sempre più aderenti alla realtà locale.

- Faremo in modo che il servizio INFORMAGIOVANI diventi veramente il riferimento efficace per i giovani che cercano un'occupazione o un indirizzo scolastico, ampliando le forme di assistenza ed informazione disponibili.

- Seguiremo costantemente l'iter amministrativo per l'apertura della Casa di Riposo nella ex ERMA di Muceno, in quanto l'iniziativa riveste importanza non solo per il suo utilizzo diretto da parte degli anziani, ma anche per i posti di lavoro che potrebbe offrire sul nostro territorio e la possibilità che avrà il Comune di convenzionare alcuni servizi per i residenti (lavanderia, pasti, riabilitazione, ecc.).


Turismo, economia e cultura

L'area demaniale di Punta Molino è stata riportata alla fruizione pubblica. L'intera zona, compresa la foce del torrente, è stata ripulita ed è stata ricostruita la scogliera a lago, per offrire a turisti e residenti un angolo di lago di estrema bellezza.

Abbiamo dato accesso alla spiaggia adiacente alla stazione FS, creando i presupposti per una continuità del lungolago da Porto Valtravaglia a Castelveccana.

Abbiamo curato l'immagine dei nostri paesi con una serie di grandi opere: nuovo lungolago e giardini, centro storico di Porto, nuova illuminazione di Muceno, Roccolo e media valle, marciapiedi di collegamento fra i parcheggi di via Castello ed il lungolago e con interventi più mirati: cassonetti per rifiuti e raccolta differenziata, isole ecologiche, nuova segnaletica, manutenzioni costanti.

Indispensabile è stato il rapporto di collaborazione prioritario offerto ed avuto con la Pro Loco, realizzato anche con un preciso sostegno economico alle sue molteplici attività per il turismo ed il tempo libero.

Abbiamo riportato il mercato sul lungolago e ripreso la tradizione di una piccola, ma qualificata, Fiera dell'Antiquariato che dal 1999 ha due edizioni (a Pasqua e a Ferragosto).

Abbiamo realizzato un sito comunale sulla rete Internet con informazioni e notizie costantemente aggiornate e mettendo a disposizione una casella di posta elettronica.

Dopo anni di continue pressioni, l'ENEL ha portato l'energia elettrica all'Alpe di San Michele, indispensabile al potenziamento dell'acquedotto e ridare vita alla frazione, nel rispetto più totale dell'ambiente.

Abbiamo dato alla Biblioteca un'adeguata sede nel centro storico di Porto e continuato le iniziative intraprese dagli anni scorsi (pubblicazione di Loci Travaliae e organizzazione di Musica a Domo.


PROGETTI:

Siamo sempre stati convinti che lo sviluppo turistico ed economico del nostro paese dovesse cominciare da un preciso impegno dell'ente pubblico a realizzare opere concrete: per questo abbiamo impiegato grandi risorse per cambiare l'aspetto di Porto, partendo dal lungolago e dal centro storico adiacente. Non ci siamo limitati ad un semplice rifacimento, ma abbiamo creato nuovi spazi per camminare e sostare, e non solo sul lungolago.

Ora occorre che i privati, i commercianti e gli imprenditori in genere, che ancora credono possibile un ulteriore sviluppo di Porto facciano, con noi, la loro parte, in stretto rapporto anche con la Pro Loco, che resta il più valido interlocutore della domanda e dell'offerta turistica.

Saremo disponibili a prontamente valutare le richieste degli operatori veramente interessati che intendano seriamente realizzare strutture turistico - ricettive, alberghiere, per il tempo libero e lo svago.

- Il Comune partecipa attivamente al costituendo Consorzio per lo Sviluppo Turistico delle Valli del Luinese, con la Comunità Montana e grazie alla collaborazione fra i Comuni e l'Azienda di Promozione Turistica del Varesotto, la Camera di Commercio, le Associazioni dei Commercianti e di quei privati che accetteranno di investire nel turismo. Nessuno quindi sarà solo in questo sforzo.

- Il nostro Comune ha aderito, con la Pro Loco, al progetto sperimentale di uno sportello telematico di informazione turistica, lanciato in ambito Comunità Montana, nella consapevolezza che anche l'Alto Verbano abbia prospettive concrete di un volto turistico nuovo ed accattivante, e già da questa estate se ne potranno vedere i primi risultati.

- Una fonte di attrazione potranno essere, dopo il lago, le frazioni e la nostra montagna. Ci sono località che meritano la massima attenzione, ma occorre una grande opera di valorizzazione. In particolare la strada militare Muceno - San Michele che, passando per il Pian Nave, offre una incomparabile prospettiva sul lago e la valle sottostanti. In aggiunta al Pian Cuvinicc, cercheremo di realizzare altre aree di sosta lungo questa strada panoramica e mantenere percorribili i sentieri.

- Sarà nostra cura apporre un'adeguata segnaletica turistica per chiese, monumenti ed altri luoghi di interesse presenti sul nostro territorio, in aggiunta alla recente segnalazione delle spiagge: queste saranno valorizzate e fatte oggetto di continua manutenzione.

- Sosterremo, attraverso l'attività della Biblioteca, le iniziative culturali che ormai sono consolidate, come la Stagione Musicale di Domo e Porto e la pubblicazione del volume di storia locale "Loci Travaliae".

- A partire dal 2000 vorremmo organizzare una manifestazione ricorrente annuale di forte richiamo turistico e culturale, così da creare una nuova immagine di Porto Valtravaglia a livello nazionale, che faccia conoscere il nostro paese e porti sensibili benefici turistici e commerciali, prolungati nel tempo.

- Non appena concluso il procedimento di concessione, vogliamo recuperare l'ex bar Cafferino, compatibilmente con quanto la legge consene per l'utilizzo degli immobili demaniali.

Territorio e ambiente

Prioritaria è stata l'attivazione del Depuratore in località Trigo (in gestione alla soc. Sogeiva) e l'operatività del vicino Centro Raccolta Differenziata (in gestione alla soc. Sacagica). Dopo tre anni di funzionamento del depuratore e l'eliminazione degli scarichi fognari a lago, le sue acque antistanti il paese sono ritornate balneabili nel 1998.

Abbiamo recuperato un'ampia area a parcheggio e la spiaggia con accesso dal piazzale della stazione FS, assicurandoci la gestione di una porzione strategica di territorio in diretta connessione con la ex Vetreria ed il lungolago. L'accordo fatto con le Ferrovie ci ha permesso l'uso gratuito di alcuni locali della stazione e la locazione dello scalo merci dove abbiamo realizzato un nuovo magazzino comunale e degli spazi a servizio degli operai comunali.

Sono stati realizzati significativi lotti della nuova rete sotterranea dei servizi acquedotto, fognatura, linee Enel e Telecom nel centro storico di Porto. E' in ultimazione la fognatura che collega Fugino al lungolago e quindi al depuratore.

Abbiamo completato il complesso iter amministrativo (iniziato già nel 1985 e proseguito dal 1995) per ottenere la concessione di alcune aree demaniali a lago ancora disponibili, ex Bar Cafferino compreso, in previsione del loro acquisto definitivo.

Abbiamo messo a disposizione un consulente in materia di tutela fitosanitaria e di gestione del verde per facilitare la soluzione di problemi connessi al mantenimento ed alla cura delle piante.

PROGETTI:

La Giunta Regionale, con propria deliberazione del 9 ottobre 1998 ha richiesto al Comune la modifica e l'integrazione del Piano Regolatore Generale adottato con delibera consiliare del 28 ottobre 1994. I lavori proseguono con celerità per arrivare ad una riapprovazione del Piano e del Regolamento Edilizio in tempi ragionevoli, secondo gli orientamenti espressi dalla Regione.

- E' nostro impegno perfezionare il procedimento con la massima attenzione e cura, perchè le legittime attese dei cittadini trovino presto risposte concrete, tenendo in considerazione un'attenta valorizzazione ed una scrupolosa tutela delle sue risorse naturali. Anche un moderato sviluppo edilizio su aree di completamento, l'individuazione di alcune zone per l'insediamento di attività artigiane, il recupero di alcuni cascinali a scopo agrituristico e l'identificazione di zone per lo sviluppo della montagna a scopi turistici, potranno concorrere al raggiungimento degli obiettivi che tutti auspichiamo.

- Studieremo con il Comune di Brezzo di Bedero una adeguata soluzione del problema della Cava Trigo, per la quale già partecipiamo ai lavori della Conferenza dei servizi fra i comuni, la Provincia e la Regione, e per un'omogenea destinazione delle aree confinanti con la cava stessa.

- Ricercheremo le più opportune risorse finanziarie e gli accordi - se possibili - con i Comuni vicini per perfezionare l'acquisto dell'area Brighirolo, già vincolata ad uso pubblico.

- Ci impegneremo ad un ampliamento della raccolta differenziata dei rifiuti, per una miglior tutela ecologica del territorio.

Le frazioni

Ci siamo impegnati a tenere nella massima considerazione le esigenze delle famiglie che vivono nelle frazioni, mediante la realizzazione di opere migliorative della qualità della vita: nuova illuminazione a Muceno, in via Media Valle e in loc. Roccolo, parcheggi di Ligurno e di Fugino, marciapiede fra Muceno e Ticinallo.

Di rilevante interesse sociale è stato l'ottenimento di un finanziamento di Lire 500 milioni per la metanizzazione di Musadino, Domo, Ligurno, Torre e Fugino, nonchè per il completamento della via Muceno, su progetto concordato con l'Italgas. I lavori sono in pieno svolgimento.

Abbiamo realizzato un piccolo parco giochi nella frazione di Musadino, con annesso posteggio.

Grazie ai Servizi Sociali ed ai Dipendenti comunali si sono potute esaudire richieste di assistenza nelle frazioni ed effettuare consegne a domicilio di medicinali e documenti.

PROGETTI:

Le frazioni rientrano pienamente nei nostri obiettivi di sviluppo.

- Ad esse saranno dedicate le necessarie risorse per un programmato rifacimento dei centri storici (sull'esempio di Porto centro) comprendente quindi anche il completamento della rete di illuminazione, dell'acquedotto e delle fognature.

- Abbiamo proposto alla Provincia la soluzione del problema della strettoia ancora esistente nel centro di Muceno, mediante l'acquisizione e la demolizione di un fabbricato fatiscente.
- Seguiremo con cura che la proposta trovi una concreta accoglienza.

- Ugualmente interverremo presso la Provincia per risolvere la pericolosità dell'incrocio delle Quattro Strade a Domo con la realizzazione, se possibile, di una rotatoria.

- Valuteremo con gli Enti interessati le possibili soluzioni per il recupero funzionale delle ex case parrocchiali di Domo e Muceno e per la sistemazione della piazza della chiesa di Domo.

- Completeremo con la sistemazione esterna il palazzo comunale di Muceno, dove sono ospitati l'Asilo e l'ambulatorio.

- Realizzeremo l'ampliamento del cimitero di Muceno ed il nuovo parcheggio, per i quali sono già state acquistate le relative aree.

Semplificazione e trasparenza

Abbiamo cercato di soddisfare al meglio le esigenze di partecipazione e di informazione dei cittadini alla vita pubblica garantendo facilità d'accesso ai documenti, semplificando le procedure, nell'intento di realizzare anche un nuovo rapporto fra amministratori, dipendenti e cittadini.

Tutto ciò e stato supportato dall'adozione dei seguenti nuovi Regolamenti che, con lo Statuto Comunale, sono gli strumenti di lavoro e di partecipazione:

- Regolamento dei Servizi Sociali
- degli Uffici e dei Servizi
- della Biblioteca
- della Raccolta Rifiuti
- delle Pubbliche Affissioni
- del Diritto all'accesso agli atti amministrativi
- dei Procedimenti amministrativi
- di Contabilità
- delle entrate comunali
- dell'accertamento con adesione ai tributi comunali
- dell'I.C.I.
- della Fiera dell'Antiquariato "Porto Antiqua"
- del Centro Sociale.

La politica fiscale della nostra amministrazione è stata gestita con particolare attenzione alle famiglie residenti e meno abbienti.

E' stato nominato un Responsabile delle relazioni con il pubblico.

E' stata data attuazione al Difensore Civico mediante accordo con la Comunità Montana.

Abbiamo sostituito il centralino comunale per ottimizzare i contatti telefonici con i cittadini, completo di servizio di segreteria, il tutto operante su nuove linee ISDN.

Ci siamo impegnati ad informare i cittadini con la pubblicazione del periodico PortoNotizie i cui costi di stampa e di spedizione sono stati interamente e direttamente sostenuti dagli amministratori, senza essere posti a carico del bilancio comunale.

PROGETTI:

- Per un miglior servizio ai cittadini, ci impegnano a riorganizzare l'Ufficio Tecnico Comunale, dotandolo di Personale adeguato e informatizzando la gestione del Piano Regolatore.

- Continueremo l'opera di semplificazione delle procedure amministrative e attiveremo, in forma associata con i 15 Comuni della nostra Comunità Montana, lo Sportello Unico per le attività produttive.



LE OPERE REALIZZATE

Le opere pubbliche sono state l'impegno della nostra amministrazione per dimostrare che è possibile "pensare in grande" - senza eccedere - ma perseguendo con sistematicità gli obiettivi.

Grazie alla diminuzione del costo del denaro, ma soprattutto all'attenta ricerca delle risorse finanziarie giuste: contributi in conto capitale e in conto interessi, finanziamenti senza interessi, mutui con la Cassa Depositi e Prestiti, abbiamo realizzato opere che solo pochi anni fa potevano sembrare irrealizzabili.

·

 

Le opere realizzate dal 1995 al 1998 assommano a Lire 6 miliardi e 847 milioni. La copertura finanziaria è stata fatta con:

- mutui della Cassa Depositi e Prestiti Lire 3 miliardi e 83 milioni
- contributi in c/capitale Lire 1 miliardo e 141 milioni
- mutui agevolati Lire 30 milioni
- finanziamenti senza interessi Lire 640 milioni
- fondi propri del bilancio comunale Lire 1 miliardo e 953 milioni

 

Ve ne diamo un elenco ripartito per anno e con la relativa spesa in milioni di lire:

1995

lungolago (nuovo progetto) 1.200
parco/parcheggio Musadino 130
copertura loculi Cimitero di Muceno 14
bacino acquedotto di Muceno loc. Campo 162

1996

illuminazione Muceno 65
illuminazione Roccolo 61
acquisto automezzo Bremach 68
acquisto cassonetti rifiuti 68
acquisto area loc. Trigo 40
acquisto area ampliamento Cimitero Domo 31
arredamento salone culturale 35
arredamento scuole elementari 5
Porto Centro1, fognature acqued. pavimentazione 500
Fognature acquedotto pavimentazione via Mazzini 180
wc handicap. salone culturale 25
ultimazione campetto Ronchiano 90
tetto lavatoio Muceno 8
lavori completamento lungolago 183
archivio comunale Muceno 17
ampliamento cimitero di Domo 280
pavimentazione piazzale scuole elementari 80
informatizzazione uffici comunali 185
metanizzazione frazioni 500

1997

Porto centro 2 e adiacenze 178
illuminazione (v. media valle) 121
Fognatura Banca/Fugino e marciapiedi v. Luino 565
Acquedotto via Erbè 29
Curva Via Muceno pr. Alaimo 11
Cimitero di Muceno - acquisto terreno 15
Parcheggio di Muceno - acquisto terreno 50
Parcheggio/parco di Torre 94
Pavimento palestra e tettoia 80
Giochi lungolago e parco Musadino 15
Lavatoio di Musadino - ristrutturazione 14
Argini torrente Comada 106
Asfaltatura strade 98

1998

Lungolago - p.za Banca/Posta 285
Illuminazione v. Muceno/lungolago 252
Porto centro 3, v. Zamarra/Verbano 500 appalto in corso
Centro Sociale, Biblioteca e Ambulatori 320
frana Erbè 30
marciapiede Muceno/Ticinallo 125
Punta Molino - primi interventi 20
Computer per scuola media 2
Pontile per porticciolo 10
1999

Nuovo centralino telefonico comunale 12
Lungolago (tratto a lato del Municipio) 40
Fognatura di Domo (via Girelli) 332 appalto in corso
Sorgenti Ligurno e San Michele 332 appalto in corso

 

ed i seguenti progetti che sono da perfezionare:

Illuminazione 4 - v. Nave, Pezze e Ticinallo 165
Cimitero Muceno - ampliamento 60
Porto centro 4, aree FS e demaniali 1000
Porto centro 5 - v. Castello parte - scaletta 600
Asfaltature strade - v. Muceno 180
Fognatura/bianche e asfaltatura v. Borgato 240
Acque bianche v. Muceno 176
Parcheggio di Muceno 100
Area ex Circolo - riqualificazione 100


PROGETTI:

Riqualificazione urbana di Porto e delle frazioni

Vogliamo continuare la riqualificazione urbana di Porto centro, a lotti progressivi, fino al completamento ed eseguire opere analoghe anche nelle frazioni.

Prosecuzione del lungolago verso Castelveccana

E' stato approvato il 27 novembre 1998 un primo progetto per la riqualificazione e la fruizione pubblica dell'intera area dell'ex scalo merci delle Ferrovie e del tratto di sponda da Punta Molino al confine con il Comune di Castelveccana. Lo scopo è quello di mettere a disposizione di residenti e turisti aree a spazi che diventino luogo di aggregazione e di incontro, e non solo di passaggio. Questi interventi metteranno anche in collegamento il nuovo parcheggio della stazione ferroviaria con le aree a lago sottostanti, il cui accesso è stato sempre di fatto precluso.
E' prevista anche la realizzazione di un sottopasso pedonale al passaggio a livello fra via Roma e via Vigèra. Al riguardo sono stati richiesti due finanziamenti regionali.

Considerata la vastità dell'area interessata, le opere potranno essere realizzate in più lotti, anche in relazione agli sviluppi futuri dell'area ex Vetreria.


Parcheggi lungolago

I lavori di abbellimento e rifacimento del lungolago e dei giardini hanno sacrificato il numero dei posti macchina disponibili. In aggiunta a quelli recuperati nell'area antistante la ex Telsa, intendiamo studiare la possibilità di una copertura della parte finale del torrente Ronè e realizzare un ampio parcheggio a diretto supporto del lungolago, con il quale sarà messo in comunicazione pedonale.

Telsa e Vetreria

Sono aree strategiche per lo sviluppo di Porto, le cui destinazioni sono state approvate all'unanimità dal consiglio comunale nell'ambito del Piano Regolatore.
Per la Telsa è prevista l'apertura al pubblico dell'intera area, con la realizzazione di una grande piazza pedonale che parte dalla chiesetta e segue la curva della strada provinciale. E' prevista una parte di edificazione a residenza e attività commerciali e professionali, in affiancamento al supermercato.
Per la Vetreria è previsto il recupero dell'esistente (Casa del Mulino, darsena, cantiere) per attività turistiche. E' prevista una modesta edificazione residenziale in connessione con il piazzale della stazione ferroviaria. Sarà infine possibile mettere in comunicazione il lungolago con le aree a lago fino al confine comunale. Le aree a verde del comparto saranno finalizzate ad uso pubblico ricreativo.

I progetti potranno trovare concretezza dopo l'approvazione definitiva del Piano Regolatore Generale e solo con importanti interventi del privato cui potrà affiancarsi il Comune per quanto riguarda l'uso pubblico delle aree allo scopo destinate.

Pubblica illuminazione e fognature

Continuerà l'affidamento all'ENEL di ulteriori lotti, fino ad arrivare al completo rifacimento dell'intera rete. Ugualmente proseguiremo nella realizzazione dei tronchi di fognatura minori per allacciare al depuratore le zone attualmente non servite.

Asfaltature

Continueremo i lavori di asfaltature stradali, partendo da quelle già interessate ai lavori di metanizzazione e fognature (via Muceno, via Torre, Via Unica, Ligurno, via IV Novembre), sempre per lotti progressivi.

Passaggio a lago

Per meglio consentire l'accesso al lago, intendiamo realizzare un percorso pedonale al termine di Via Borgato, lungo il torrente Muceno, anche in previsione del futuro sviluppo dell'area ex Telsa.

Scuole elementari

Provvederemo già prima dell'anno scolastico 1999/2000 ad adeguare le aule all'aumentato numero di alunni.

 


Committente responsabile Filippo Colombo - via Matteotti 13 - 21010 Porto Valtravaglia
Stampa: Lito Stephan - Via Giordano 6 - 21010 Germignaga