Giancarlo Mangini (el cubano)

Compie gli anni proprio il 13 gennaio 2012: un 'ragazzaccio' che festeggia le 80 primavere e che non ha mai perso l'entusiasmo per il suo mestiere, per lo sport e per la vita.
Una vita in giro per il mondo quella di Giancarlo Mangini, residente a Milano ma con legami familiari a Porto Valtravaglia (sua cognata è Emma Caroti Porta, già presidente della locale pro loco), dove trascorre periodi di villeggiatura.
E' nato a Pola nel 1931, all'epoca ancora italiana; il padre era un commerciante di tessuti con radici in Dalmazia, la mamma emiliano-romagnola di origini.
Prima dell'inzio della guerra, avvertendo i presagi di un futuro incerto e pericoloso, la famiglia si trasferisce in Italia, da parenti: Trieste, Bologna e poi Milano, destinazione definitiva.
Un girovagare, non certo voluto ma dipeso dagli eventi storici, che entrerà nel carattere di Giancarlo, sempre portato a viaggiare, a scoprire nuovi luoghi e nuove culture.
Si diploma al liceo classico e si iscrive all'università, cambiando varie facoltà: legge, scienze naturali, economia alla Bocconi. Prossimo alla laurea, pur mancando solo la tesi, abbandona gli studi. Ha una grande dote naturale: disegna molto bene. Lo fa già da bambino, con una passione che cresce negli anni. Per mantenersi agli studi universitari si propone a Rizzoli che gli affida vari lavori. Un incoraggiamento gli arriva da Giovannino Guareschi; l'autore della saga di don Camillo e Peppone era il fittavolo di un podere di proprietà di uno zio di Parma di Giancarlo.
Inizia a collaborare con varie testate: L'Europeo, Settimo giorno, i periodici Rizzoli e Mondadori, vari quotidiani. Viaggia: Londra, Parigi, Spagna. Durante questi soggiorni si mantiene disegnando. A Parigi fa caricature a Pigalle e prosegue gli studi alla Sorbona; consegue poi un master a Cambridge, prestigioso ateneo inglese.
Arrivano nuove collaborazioni: la Domenica Enigmistica (che poi muterà la testata in Domenica Quiz) di Rizzoli, Intrepido, Monello, Grand Hotel, la casa editrice Universo.
Negli anni '60 lavora anche per l'Inter del grande presidente Angelo Moratti: realizza caricature dei personaggi del calcio. 300 le pubblicazioni con cui ha lavorato sino ad oggi.
Alla fine degli anni '70 arriva anche il "sexy": disegna donnine prorompenti e ammiccanti, in situazioni maliziose, il tutto condito da una buona dose di humor.
Vignette che finiscono su riviste come "Le Ore", "Tre quarti d'ora", "La Giraffa", "Caballero", "Paprika".
Non firma con il suo nome, ma con uno pseudonimo coniato durante una sua permanenza nei Caraibi: è lui "El Cubano". In altre occasioni si firma "The Manager" o "First Base".
Il sexy non è la sua massima ambizione ma rende bene: così prosegue per un po' di anni con questo filone. Disegna però anche giochi, cruciverba e quiz, pubblicati tra l'altro anche dal nostro settimanale.
Una vita avventurosa, senza noia.
Sin da ragazzo coltiva un'altra passione: il baseball. A Milano, con il fratello Sergio, dà vita ad una squadra: in seguito prosegue l'attività sportiva come allenatore.
Dall'inizio degli anni '70 inizia a collaborare con alcune tv private: grazie alla sua conoscenza delle lingue, commenta partite di squadre USA trasmesse da TeleMontecarlo, TeleCapodistria, Rete 4 (all'epoca ancora di Mondadori). Ha lavorato anche per tv del Nicaragua, del Salvador e di Cuba: qui, in un'occasione scambia qualche battuta con Fidel Castro, grande appassionato di baseball, sport molto praticato sull'isola.
Grazie al baseball ha conosciuto anche Joe Di Maggio, il grande campione statunitense noto alle cronache per essere stato uno dei mariti di Marilyn Monroe. A Roma gli ha consegnato una sua caricatura disegnata ben venti anni prima, quando lo aveva incontrato in Florida ad una cena.
Da molti anni Giancarlo collabora con la RAI: attualmente commenta le partite su RaiSport. Durante la telecronaca prepara caricature, mandate in onda durante la trasmissione, così come il rebus della settimana.
Ha tante storie da raccontare il nostro "Cubano". Ancora oggi non sta fermo; valigia e matita sono sempre pronte.

Giancarlo Mangini, 80 anni il 13 gennaio 2012. Disegnatore, caricaturista e grande appassionato di baseball, frequenta Porto Valtravaglia. Suo il disegno-caricatura di Dario Fo, logo della Notte dei Mezàrat, che pubblichiamo in questa pagina.

 

(Davide Boldrini, Eco del Varesotto 13.1.2012)